Scadenzario 2020

Strumento indispensabile per muoversi agilmente e con precisione nei meandri della burocrazia fiscale. Questa sezione propone infatti le principali scadenze fiscali di interesse familiare.

SCADENZARIO 2020
SCADENZA DESCRIZIONE
Entro il 31 marzo
Il sostituto d’imposta consegna a ciascun percipiente (lavoratore dipendente, pensionato, percettore di redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi) la Certificazione Unica (CU) relativa ai redditi ed emolumenti corrisposti nel 2019.
Dal 2 maggio al 30 giugno
Presentazione della dichiarazione mod. REDDITI Pf in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale (solo nei casi previsti dalla norma…).
Entro il 16 giugno
Versamento della prima rata in acconto relativa all’imposta comunale IMU, calcolata sulla base delle aliquote e detrazioni deliberate dal Comune per l’anno precedente.
Entro il 30 giugno
Versamento tramite F24 delle imposte dovute a titolo di saldo 2019 e prima rata di acconto 2020, scaturite dalla presentazione del mod. REDDITI Pf (o mod. 730 “senza sostituto”).
Entro il 7 luglio
Presentazione al proprio sostituto d’imposta della dichiarazione mod. 730 e della busta contenente il mod. 730-1 per la scelta della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef.
A partire dal mese di luglio
(agosto o settembre per i pensionati)
Il sostituto effettua le operazioni di conguaglio derivanti dalla presentazione della dichiarazione dei redditi mod. 730: rimborso delle imposte a credito e trattenuta delle imposte a debito.
In caso di rateizzazione dei versamenti di saldo e degli eventuali acconti trattiene la prima rata.
Le ulteriori rate, maggiorate dell’interesse dello 0,33% mensile, le tratterrà dalle retribuzioni nei mesi successivi.
Dal 1° al 30 luglio
Versamento tramite F24 delle somme dovute a titolo di saldo 2019 e prima rata di acconto 2020 con maggiorazione dello 0,40% degli importi dovuti, scaturiti dalla presentazione del mod. REDDITI Pf (o Mod. 730 “senza sostituto”).
Entro il 30 settembre Proroga dal 23 luglio al 30 settembre della presentazione al Caf o professionista abilitato e presentazione diretta (telematica) all’Agenzia delle entrate della dichiarazione mod. 730 e mod. 730-1 per la scelta della destinazione dell’otto, cinque e due per mille dell’Irpef.

Il contribuente può comunicare al sostituto d’imposta di non voler effettuare il secondo o unico acconto dell’Irpef o di volerlo effettuare in misura inferiore rispetto a quello indicato nel mod. 730-3. 

Entro il 25 ottobre
Il contribuente può presentare al Caf o al professionista abilitato la dichiarazione 730 integrativa.
Mese di novembre
Il contribuente riceve la retribuzione con le trattenute delle somme dovute a titolo di acconto Irpef e/o acconto Cedolare secca scaturite dal mod. 730.
 

Entro il 30 novembre 

 

Presentazione della dichiarazione mod. REDDITI Pf in via telematica, direttamente dal contribuente o tramite intermediario abilitato.

Versamento tramite F24 delle somme dovute a titolo di secondo acconto Irpef e/o acconto Cedolare secca, scaturite dalla presentazione del mod. REDDITI Pf (o mod. 730 “senza sostituto”).

Dal 1° al 16 dicembre
Versamento a saldo dell’imposta comunale IMU dovuta per l’intero anno, con eventuale conguaglio sulla rata in acconto, calcolata utilizzando le aliquote e detrazioni deliberate dal Comune per l’anno in corso.