Dichiarazione 730

Area dedicata interamente al modello 730. Informazioni, novità, vantaggi e come se non bastasse anche un servizio di assistenza fiscale CAF.

Chi può utilizzare il 730

PRESUPPOSTO OGGETTIVO

Possono utilizzare il modello 730 i contribuenti che nel 2017 hanno percepito:

  • Redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (es. co.co.co. e contratti di lavoro a progetto);
  • Redditi dei terreni e dei fabbricati;
  • Redditi di capitale;
  • Redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita IVA (es. prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente);
  • Redditi diversi (es. redditi di terreni e fabbricati situati all’estero);
  • Alcuni redditi assoggettabili a tassazione separata, indicati nella sezione II del quadro D.

 

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO

Possono utilizzare il modello 730 i contribuenti che nel 2018 sono:

  • Lavoratori dipendenti e pensionati;
  • Percettori di indennità sostitutive: ex integrazioni salariali, indennità di mobilità…;
  • Lavoratori soci di cooperative;
  • Sacerdoti della Chiesa Cattolica;
  • Giudici costituzionali, parlamentari nazionali e titolari di altre cariche elettive pubbliche;
  • Soggetti impegnati nei lavori socialmente utili;
  • Collaboratori coordinati e continuativi (senza Partita Iva) a condizione che il rapporto di collaborazione sussista almeno nel periodo compreso fra giugno e luglio 2018 e conoscano i dati del sostituto d’imposta che dovrà effettuare il conguaglio;
  • Personale della scuola con contratto di lavoro a tempo determinato se il contratto dura almeno dal mese di settembre 2017 al mese di giugno 2018;
  • Produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (mod. 770), IRAP e IVA.

N.B. I lavoratori dipendenti con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all’anno, possono presentare il modello 730 al sostituto d’imposta solo se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di aprile al mese di luglio 2018; ad un Caf-dipendenti o a un professionista abilitato se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di giugno al mese di luglio 2018 e si conoscono i dati del sostituto che dovrà effettuare il conguaglio.

E’ possibile presentare il modello 730 anche in mancanza di un sostituto d’imposta tenuto ad effettuare il conguaglio, a condizione di aver percepito, nel 2017, redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente. In tal caso il modello 730 va presentato a un Caf-dipendenti o a un professionista abilitato.
Se dalla dichiarazione emerge un credito, il rimborso viene erogato dall’Agenzia delle entrate. Se invece emerge un debito, il pagamento viene effettuato tramite modello F24.

I minori e gli incapaci possono presentare il modello 730?
Devono presentare la dichiarazione dei redditi i soggetti rappresentanti legali o tutori di minori e di persone incapaci, in nome e per conto degli stessi, sempre che per tali contribuenti (minori, incapaci) ricorrano i presupposti precedenti.

La dichiarazione congiunta modello 730 può essere presentata a condizione che:

  • almeno uno dei coniugi possa utilizzare il modello 730 – v. paragrafo “Presupposto soggettivo”;
  • entrambi posseggano solo redditi indicati nel precedente paragrafo “Presupposto oggettivo”.

Quando entrambi i coniugi possono autonomamente avvalersi dell’assistenza fiscale, il Mod. 730 può essere presentato in forma congiunta al sostituto d’imposta di uno dei due coniugi ovvero ad un Caf.