Dichiarazione 730

Area dedicata interamente al modello 730. Informazioni, novità, vantaggi e come se non bastasse anche un servizio di assistenza fiscale CAF.

I vantaggi del 730

Scegliendo di utilizzare il modello 730 e, grazie all’assistenza fiscale dei Caf, il contribuente:

  • non deve eseguire calcoli e pertanto la compilazione risulta molto più semplice poiché è il CAF stesso che controlla i dati, elabora la dichiarazione ed effettua i calcoli;
  • non deve trasmettere il modello all’Agenzia delle entrate poiché è il Caf che provvede ad inviare il modello 730 all’Amministrazione finanziaria in via telematica;
    nel tracciato telematico sono presenti anche i dati del modello 730-4 (riepilogo degli importi da trattenere e da rimborsare a cura del sostituto d’imposta risultanti dalla dichiarazione) che l’Agenzia delle entrate comunicherà al datore di lavoro per le operazioni di conguaglio; se il sostituto d’imposta che deve effettuare il conguaglio è l’INPS, il Caf invia il modello 730-4 direttamente all’ente pensionistico tramite canali telematici riservati;
  • ottiene Il rimborso dell’imposta direttamente nella busta paga (a partire dal mese di luglio) o nella rata di pensione (a partire dal mese di agosto o settembre);
  • se risultano delle somme da versare, non deve recarsi in banca o posta per la presentazione della delega di versamento F24 in quanto l’imposta a debito viene trattenuta dalla retribuzione (a partire dal mese di luglio) o dalla pensione (a partire dal mese di agosto o settembre); può decidere di rateizzare il versamento delle somme dovute nel caso in cui ritenga necessario frazionare il debito in più mensilità.

 

E’ possibile presentare il modello 730 anche in mancanza di un sostituto d’imposta tenuto alle operazioni di conguaglio, a condizione di aver percepito, nel 2017, redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente.
In tal caso il modello 730 va presentato a un Caf o a un professionista abilitato.
Se dalla dichiarazione emerge un credito, il rimborso viene erogato dall’Agenzia delle entrate.
Se, invece, emerge un debito, il pagamento viene effettuato tramite il modello F24.